Kaulon, il vento e i sorrisi

Hanno attraversato in auto le strade malferme della Calabria. Hanno chiacchierato, riso, scherzato. Hanno percorso paesi incastrati tra mare e rocce e dopo due ore di viaggio Domenico, Laura, Sergio e Tizianeda, sono arrivati a destinazione. Così sono approdati in un posto che a pronunciarlo capisci subito che è unico e speciale: Kaulon. E’ un luogo che arrivi e ti sembra di essere in una terrazza tonda e spaziosa a tuffarsi nell’azzurro in movimento e con il cielo sopra che ti cade addosso e ti sperdi e ti viene un sorriso come quello dei bambini che non va più via. Ché la bellezza tanta ha questo effetto riconciliante e da lì il mondo è un racconto luminoso e clemente.
Perché i quattro a Kaulon hanno visto un sito archeologico unico, posseduto dal sole e dall’aria che quel giorno soffiava invadente e allegra . Sono andati dove secoli e secoli fa c’era una colonia della Magna Grecia e ora, a ricordarla, perimetri delimitati da basse mura e massi a far intuire una casa grande, importante e un tempio dorico, un luogo sacro, che i quattro hanno attraversato emozionati, quasi a sentirne l’energia antica.
E poi in questa isola sospesa nel tempo e nello spazio hanno incontrato sorrisi e sguardi appassionati. Hanno incontrato Francesco, l’archeologo che si prende cura di quei luoghi, che ti parla calmo con il sigaro spento in mano, che ha scoperto proprio in quelle stanze senza tetti un mosaico prezioso che raffigura un drago, che ha il viso e gli occhi scuri che sembrano l’incrocio di più mondi e culture. Hanno incontrato Silvana direttora del sito archeologico di Kaulon, che ha narrato con forza garbata i luoghi e la passione e le difficoltà nel mantenere intatto quel mondo sospeso. Ha raccontato la paura che questi posti pieni di storia e incanto possano andare in malora per colpa dello sguardo distratto degli amministratori. E hanno incontrato un antropologo, studenti di archeologia, studenti di storia, di studi umanistici e scientifici, Peppe, Antonietta, Mara, Marta, tutti lì a curare la bellezza che il passato ci ha regalato. Hanno incontrato Carla e Diego, argentini, loro che studiano la lingua greca, che hanno attraversato l’oceano per guardarli da vicino quei luoghi che hanno visto e letto sui libri. Loro che vengono da una storia e una cultura altra a ricordarci che le distanze non esistono, che sono tutte nella nostra testa. E se dentro hai l’amore per i paesaggi, per la cultura, il passato e il racconto di una umanità che ha sempre cercato in mezzo alla confusione dei tempi la bellezza e l’incanto, ogni distanza, barriera, distinzione, perdono forma e importanza e rimangono il vento e i sorrisi a insinuarsi virtuosi tra le persone e la storia.

Tizianeda

20140712-091738-33458911.jpg

20140712-092233-33753906.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...